D-Collection

D-collection rappresenta una importante novità nel percorso dell’Artista che crea ,sia sul piano tecnico che in quello della comunicazione, una capsule di opere in edizione limitata ed esclusiva. Il progetto si fonda su due percorsi creativi che si differenziano dal resto delle opere “storiche” ma nello stesso tempo esaltano comunque il valore estetico e concettuale della ricerca , inserendosi nel mondo del Design e dell’architettura d’interni appunto come una innovativa capsule d’Arte.

Circle Design

Le opere presentate in questo progetto sono dei dischi di vetro di Murano create attraverso la fusione di cristallo e paste di vetro Muranese che si assemblano mediante una tecnica unica al mondo realizzata in una sola fornace a Venezia attiva dal 1300.
La composizione che ne risulta è estremamente lirica ed evocativa oltre a risultare molto luminosa ed il cerchio ne esalta la forza archetipa. Ogni creazione risulta unica ed irripetibile.

I dischi presentati si dividono in VAS, SHANKHA, CHANDRA.
Attraverso un complesso sistema di forze centripete il cristallo e le paste in vetro si fondono insieme alla madreperla, creando un disegno a spirale che evoca la forma delle conchiglie.
Da qui tutte le conchiglie in resina e vetro denominate SHANKHA (dalla radice sanscrita che significa conchiglia), conchiglia di importanza rituale e religiosa nell’induismo.
La parola VAS deriva dalla radice sanscrita vas- che significa “bruciare, risplendere, esaltare la componente luminosa”.
Al centro dell’opera, l’esplosione di resina crea un buco nel vetro: una sorta di “stargate” in cui si condensa tutta la potenza del cosmo, una nascita che è pura energia e che si sviluppa nella forma simbolica di un fiore .
Questa creazione posta nel centro (stilisticamente il marchio di fabbrica di Annalù) diventa così un manifesto di questa luminosità.
I dischi CHANDRA (= brillante) rappresentano i diversi volti della stessa luna in cui le foglie di ginko in vetro di Murano riposano e si mimetizzano.
Tecnicamente, le foglie vengono realizzate attraverso un doppio passaggio in forno per modellare e piegare il vetro. Questi dischi sono previsti a parete.

Le basi in ferro dipinto che sostengono questi dischi di vetro sono disegnate dall’Artista e sono smontabili.
Sono previste n.2 allunghe per le basi da terra con la possibilità di installare sia un disco da cm 50 sia un disco da cm 70. Per le basi da appoggio su tavolo invece la base su cui si innesta il porta-disco è universale; il porta disco può essere montato sia su base da cm 50 sia da cm 70.